closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Bruxelles si beve il glifosato

Ambiente. La Commissione europea, nonostante il parere contrario dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro e la mobilitazione dei cittadini europei, continua a spingere per rinnovare l'autorizzazione dell'erbicida più diffuso e chiacchierato del mondo. Oggi e domani riunione al vertice. Protesta Greenpeace appellandosi al governo italiano: "Sarebbe assurdo concedere il via libera a questa sostenza per altri dieci anni, senza aver prima effettuato accurate verifiche su possibili irregolarità nel processo di autorizzazione"

Glifosato a pioggia fino al 2027? La Commissione europea, a proposito di scarsa democrazia delle istituzioni comunitarie, non sembra granché preoccupata del fatto che l’erbicida più usato nel mondo e quindi anche in Europa sia stato classificato come probabilmente cancerogeno dall’Agenzia internazionale dell’Onu per la ricerca sul cancro (Iarc). Nel frattempo il pianeta ogni anno assorbe circa 825 mila tonnellate di glifosato (principale produttore è Monsanto che commercializza il Roundup e produce anche le piante modificate che gli resistono per un business di 8,8 miliardi di dollari); nonostante 96 scienziati indipendenti abbiano contestato pubblicamente la valutazione dell’Autorità europea per la...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.