closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gli studenti rispolverano l’icona Allende

Diplò di settembre. Nel 2011, le proteste contro il neoliberismo hanno messo fine alla lunga rimozione sull'11 settembre 1973. Un articolo della giovane dirigente comunista, in edicola il 17 con il quotidiano

Per decenni, le forze progressiste cilene hanno trattato la figura di Salvador Allende come un’icona. Si sottolineavano le sue qualità personali e umane; si lodava il suo atteggiamento eroico al momento del colpo di stato dell’11 settembre 1973: non era forse morto con le armi in pugno? Ma una tale celebrazione veniva impiegata generalmente per sottacere le ambizioni - e i risultati- del suo governo di Unidad popular (Up), una coalizione che andava dai comunisti ai socialdemocratici. Le manifestazioni studentesche del 2011, le più importanti dal ritorno della democrazia nel 1990, e l’emergere di nuovi movimenti sociali (sindacali, ecologisti, ecc)...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi