closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gli Stati uniti avranno la testa di Assange

Wikileaks. L’Alta corte di Londra ribalta la prima sentenza: l’attivista può essere estradato negli Usa dove verrà processato per spionaggio

Manifestazione per Assange fuori dall’Alta corte di Londra

Manifestazione per Assange fuori dall’Alta corte di Londra

Londra, prime ore del mattino di ieri. Le giacche blu della cavalleria yankee irrompono al galoppo nella suprema corte britannica, scompigliano le parrucche dei giudici e sequestrano il prigioniero. Cinemascope a parte, è quanto è successo ieri a Julian Assange, ora a un soffio dall’estradizione negli Usa. I legali statunitensi hanno vinto l’appello per portarsi a casa lo scalpo del fondatore di Wikileaks, reo di aver mostrato al mondo le esternalità della democrazia aviotrasportata in Iraq e Afghanistan. Due giudici super-senior, Lord Chief Justice Lord Burnett e Lord Justice Holroyde, hanno sentenziato che Assange debba essere estradato negli Stati uniti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.