closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Gli «spaccaossa» della banda dei falsi incidenti a Palermo

Truffa alle Assicurazioni. Organizzazione con avvocati e medici reclutava poveracci a cui prometteva i risarcimenti che invece si intascava. Spezzano arti e poi portavano le vittime in strada. Inchiesta partita da morto per lesioni

Uno degli arrestati alla banda dei falsi incidenti arrestato dalla polizia di Palermo

Uno degli arrestati alla banda dei falsi incidenti arrestato dalla polizia di Palermo

Gli «spaccaossa», li chiamavano. Erano senza scrupoli, che avevano il ruolo più cruento: spezzare le ossa alle vittime. Per frantumare gambe, piedi, braccia, femore usavano pesi in ghisa, quelli utilizzati per il fitness, spranghe di ferro, trolley riempiti con pietre. Il macabro rituale, che loro chiamavano il «lavoro» come emerge dalla intercettazioni, veniva fatto in magazzini di periferia allestiti con tavole di mattoni, dove venivano condotte le vittime reclutate nei bassifondi per qualche centinaio di euro e con la promessa di avere altri soldi in futuro. Doloranti e sanguinanti i malcapitati venivano poi abbandonati in strada per la messinscena di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.