closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Gli scrittori italiani e i logogrifi di Longhi

Marco Antonio Bazzocchi, "Con gli occhi di Artemisia. Roberto Longhi e la cultura italiana", Il Mulino. In che modo Anna Banti, Pier Paolo Pasolini, Giovanni Testori e Giorgio Bassani discendono dalla scrittura di Roberto Longhi in termini di stile e "topoi"?

Georges Seurat, studio per

Georges Seurat, studio per "Une baignade, Asnières"

[caption id="attachment_491558" align="alignnone" width="629"] Roberto Longhi, fot. Villani, Bologna[/caption]   Aprendo uno dei suoi saggi di più tracotante intelligenza (Longhi scrittore del 1980 e però ne varietur dopo lunghe peripezie variantistiche solo nella raccolta Pianura proibita, Adelphi 2002, dove ha il posto d’onore) Cesare Garboli si chiedeva per l’appunto se, non fossero mai esistiti dei quadri, Roberto Longhi avrebbe in vita sua mai scritto un rigo. Interrogativa talmente retorica e anzi tautologica che potrebbe, rovesciandosi, revocare immediatamente in dubbio l’esistenza di più di uno scrittore italiano del secondo Novecento non fossero mai esistite, che parlassero di quadri o meno, le...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi