closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Gli orti creativi vanno in città

Festival. La festa dei giardini commestibili. Alla Venaria di Torino e a Villa Reale a Monza

Da sempre presenti nelle città, gli orti urbani contemporanei non si trovano più solo lungo le linee ferroviarie o nelle aree abbandonate delle città, ma occupano ormai a pieno diritto un ruolo meno marginale, a dimostrare che un nuovo modello agricolo è possibile. A New York, per esempio, le attività di orticoltura sono sovvenzionate e a Montréal è stata scritta una «Carta dell’agricoltura urbana». D’altronde, l’agricoltura in città rimanda a questioni oggi sempre più importanti sulla qualità degli ortaggi, la loro produzione, la natura e la lunghezza dei circuiti di distribuzione, l’efficacia dei controlli regolamentari, la ricerca della quantità e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi