closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Gli impervi sentieri del mondo magico

DIAVOLERIE. Un medioevo diverso. Percorso di lettura fra cannibali, fate e streghe. I saggi recenti di Carlo Donà, Andrea Maraschi e Vincenzo Tedesco tra storia e rigorosa ricostruzione. Anche dopo Jacques Le Goff, gli studi sui temi dell’immaginario e del meraviglioso proseguono tra ricerca e divulgazione come nel caso di Melusina o della «grafofagia»

Thüring von Ringoltingen, «Melusine» (1468)

Thüring von Ringoltingen, «Melusine» (1468)

Ci sono temi che possono risultare intriganti quanto pericolosi. Scorrendo la storia dei simboli o della magia, facilmente si incorre nel problema di dover fare fronte a pessima letteratura: paccottiglia pseudo-esoterica, elenchi di curiosità o, peggio, di errori fattuali basati su chissà quali fonti. Negli anni il web si è alleato con la cattiva letteratura e ora è quasi impossibile digitare parole come «streghe» o «magia» senza far venire fuori una miriade di pagine, una peggiore dell’altra. Eppure, la ricerca in questi settori va avanti. Certamente si sente la mancanza di una grande firma come quella di Jacques Le Goff,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi