closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Gli imparati, i saputi e le sorprese della lingua italiana

Habemus Corpus. Le critiche «sgrammaticate» al neo ministro dell'istruzione Patrizio Bianchi

Mo sì lo so, maiàl, che vi siete tutti stropicciati le orecchie appena i giornalisti hanno chiesto al neo ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi «Quando ha saputo di essere diventato ministro?» e lui ha risposto «L’ho imparato ieri sera». Lo so che lo avete messo in croce. Certi giornali gli hanno anche dato lezione di italiano sostenendo che doveva dire «L’ho appreso». Perché, «L’ho saputo» non andava bene uguale? Figurarsi, «L’ho appreso», se avesse usato quell’espressione avrebbero detto che è uno che parla ingessato, ci scommetto. E poi, a ben guardare, hanno sbagliato anche quelli che hanno cercato di giustificarlo dicendo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.