closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gli immigrati che votano per il miliardario Trump

Primarie Usa. Travolti dalla crisi, odiano i «clandestini» e si buttano sull’outsider Gop

Donald Trump

Donald Trump

I supporter che non ti aspetti. La sede era nella ex fabbrica di sigari Garcia e Vega, nel cuore di Tampa. Quando, alla vigilia del voto per le primarie repubblicane in Florida, gli inviati dei maggiori quotidiani del paese hanno visitato il quartier generale della campagna di Donald Trump, hanno fatto una scoperta a dir poco sorprendente: buona parte dello staff dei volontari appartenevano infatti alle minoranze, ispanici piuttosto che asiatici, e molte erano donne. Ma come, proprio quelli che appaiono come i bersagli preferiti delle invettive razziste e misogene del miliardario newyorkese sono disposti addirittura a sostenerlo? No ovviamente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.