closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Gli eroi quotidiani di Ermanno Olmi

Cinema. Da «Il posto» a «Vedete, sono uno di voi», i luoghi milanesi del regista bergamasco morto a 86 anni

Una scena da «Il posto»

Una scena da «Il posto»

Ermanno Olmi, anagraficamente, era nato a Bergamo, cresciuto a Treviglio, ma la sua formazione è stata molto milanese. Vero che la sua opera forse più premiata e famosa, L’albero degli zoccoli (palma d’oro a Cannes, proprio quaranta anni fa, quando il premio stupì tutti, anche perché arrivò l’anno successivo alla palma di Padre padrone dei Taviani) è parlato in bergamasco, ma la centralità milanese ha radici profonde, al punto che, quando era malato, ha scritto un romanzo dai tratti autobiografici: Il ragazzo della Bovisa. Proprio Milano è la città dove il giovane Ermanno arriva senza avere completato gli studi, per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi