closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Gli ermellini e i «briganti» della Calabria

Sentenza Lucano. Si è purtroppo fatta strada una cultura giustizialista che criminalizza l’accoglienza trasformando migliaia di volontari in potenziali criminali e militanti politici come Mimmo Lucano in pericolosi delinquenti.

Mimmo Lucano

Mimmo Lucano

«Beati gli affamati di giustizia perché saranno giustiziati». Questo tagliente aforisma di Piergiorgio Bellocchio, citato nel bellissimo libro sulla giustizia di Luigi Manconi (Per il tuo bene ti mozzerò le orecchie, Einaudi stile libero) mi è tornato in mente dopo l’agghiacciante sentenza che ha condannato Mimmo Lucano  a una pena esorbitante, 13 anni e due mesi, come quelle che prima i tribunali sabaudi e poi quelli fascisti comminavano ai ribelli calabresi che trattavano alla stregua di briganti. Il paradigma giudiziario racchiude entro una dimensione criminale comportamenti che in tutto il mondo sono stati giudicati un modello di accoglienza, come ha scritto sul...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.