closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Gli ayatollah non sono eterni

Iran. Dal severo Mesbah Yazdi al riformista Sanaei, i teologi legati alla rivoluzione del 1979 stanno morendo uno a uno. Una chance (meglio tardi che mai) per la generazione successiva

La Repubblica islamica dell’Iran sta perdendo la vecchia guardia di teologi sciiti, appartenenti a schieramenti politici diversi ma comunque saldamente ancorata al potere. al punto che solo la loro morte potrebbe permettere alla generazione successiva di emergere. Lo scorso 1° gennaio è scomparso l’ayatollah ultraconservatore Mohammad Taqi Mesbah Yazdi, strenuo sostenitore del velayat-e faqih, ovvero del sistema di governo in vigore nella Repubblica islamica dell’Iran che considera il leader supremo infallibile. Era soprannominato "Professor Temsah" laddove Temsah vuol dire «coccodrillo» e fa rima con Mesbah. Il nomignolo gli deriva dalla vignetta in cui un rettile si atteggia ad accademico e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.