closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Scuola

Gli atenei italiani sono in classifica, «ma questa non è una gara»

Intervista. Giuseppe De Nicolao della rivista Roars che da due anni conduce una serrata critica alla cultura della classificazione e della meritocrazia nel mondo dell'istruzione: «Le graduatorie tra atenei nascondono che all’estero i costi sono più alti e non tagliano come qui»

Bologna è al 188esimo posto. Il Politecnico di Milano al 28esimo nell'area disciplinare dell'Engineering and Technology. La classifica annuale appena uscita, compilata dal Qs (Quacquarelli Symonds) University Ranking include 26 atenei italiani fra i primi 800 del mondo. «Il dato non dovrebbe scoraggiarci, se si considera che esistono circa 17 mila atenei. Quando si parla di università non si dovrebbe avere la logica della cattura di una medaglia». A dirlo è Giuseppe De Nicolao, professore di Automatica all'Università di Pavia e redattore di Roars (Return on Academic Research), sito che si occupa delle classifiche internazionali degli atenei, spesso utilizzate dagli...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi