closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Gli assalti al tempo ricomposti in velocità: l’ultimo Jonatham Lethem

«L’arresto», da La nave di Teseo

Jonatham Lethem

Jonatham Lethem

Passando, con estrema leggerezza, dalle atmosfere fantascientifiche dei suoi primi lavori alla gangster story (in Brooklyn senza madre) dal romanzo di formazione in La fortezza della solitudine alla narrativa post 9/11 in Chronic City, dal realismo sociale dei Giardini dei dissidenti allo splatter di Anatomia di un giocatore d’azzardo, fino al noir nel Detective selvaggio, Jonathan Lethem ha sistematicamente e brillantemente sconvolto le convenzioni dei generi letterari. Non fa eccezione a questa camaleontica vitalità il suo ultimo lavoro, L’Arresto (La nave di Teseo, traduzione Andrea Silvestri, pp. 333, € 20,00) ennesima conferma di come, continuando a rielaborare gli stessi temi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.