closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Glauco Venier, «la mia musica sospesa fra jazz e Oriente»

Intervista. Il pianista e compositore friulano parla del suo nuovo progetto discografico «Miniature», brani inediti, rifacimenti e improvvisazioni

Glauco Venier

Glauco Venier

Ci incontriamo nella Piazza di Codroipo(Udine). Pochi chilometri da Gradisca di Sedegliano dove è nato, cinquantaquattro anni fa, il pianista e compositore Glauco Venier. Vicino a Coderno, il paese di Padre David Maria Turoldo. Oltrepassando il fiume Tagliamento si è nei luoghi della «meglio gioventù» di Pier Paolo Pasolini. Non sono personaggi citati a caso. Glauco Venier ha da poco pubblicato Miniature (ECM). Disco in piano solo dopo i tre realizzati per l’etichetta di Manfred Eicher insieme alla cantante inglese Norma Winstone e al sassofonista austriaco Klaus Gesing. Un disco importante, di quelli che lasciano il segno. Music for piano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.