closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Giungla di Calais, in attesa della nuova evacuazione

Crisi dei migranti. L'intervento previsto domani (sempre che il tribunale non lo blocchi). per il governo è "azione umanitaria". Appello delle associazioni per evitare lo sgombero, senza proporre vere soluzioni di vita ai rifugiati. 440 minorenni isolati, che la Gran Bretagna non vuole

In queste ore, Calais vive momenti di angoscia e di attesa. Il prefetto, Fabienne Buccio, ha annunciato che i migranti dovranno aver evacuato la zona sud della “giungla” entro stasera alle ore 20. Ha promesso che “la forza pubblica non sarà in azione, se tutti rispettano i termini”. Mercoledi’ dovrebbero intervenire i bulldozer e distruggere l’accampamento, che nel corso degli ultimi mesi si è trasformato in un luogo di vita, sempre orribilmente precario, ma con 1600 capanne costruite da Médecins sans frontières, dal Sécours catholique e dall’associazione l’Auberge des migrants. C’è anche una scuola, una biblioteca, dei luoghi di culto,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.