closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Gitai, l’utopia del piano sequenza

Cinema. Ana Arabia, il nuovo film del regista israeliano in gara alla scorsa Mostra di Venezia, arriva finalmente nelle nostre sale. Un racconto da mille e una notte tra Palestina e Israele, seguendo il movimento senza stacchi di una giornalista alla ricerca di storie

Racconta Amos Gitai che Ana Arabia prende spunto da molte cose. All’origine c’è un fatto di cronaca, la storia di una donna musulmana a Oum El-Fahem, un villaggio arabo vicino Jaffa, che curata per una mancanza di calcio rivela al medico di essere nata a Auschwitz e di essere perciò ebrea. Cresciuta in Israele dopo la guerra, si era innamorata di un operaio arabo, per stare insieme a lui aveva abbandonato la sua famiglia. Poi c’è l’idea di lavorare ancora una volta tra quelle comunità in cui ebrei e arabi vivono insieme. E il desiderio di narrare un luogo, il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi