closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Giovani anime contro la guerra

Cinema. Solo oggi e domani nelle sale uno dei capolavori dell’animazione giapponese nato dallo Studio Ghibli, «La tomba delle lucciole» realizzato da Isao Takahata. L’odissea dei due bimbi protagonisti come metafora sull’apocalisse del secondo conflitto mondiale

L’arrivo in sala di questo film, anche se (e purtroppo) per soli due giorni, oggi e domani, è più che un evento. Non perdetelo. La tomba delle lucciole infatti (la cui edizione italiana è stata curata da Gualtiero Cannarsi, con un piccolo cambiamento del titolo che sarebbe Una tomba per le lucciole) è uno dei capolavori dell’animazione giapponese nata dallo Studio Ghibli, e della storia del cinema mondiale. Realizzato nel 1988 da Isao Takahata, pochi anni dopo avere fondato lo Studio insieme a Miyazaki, La tomba delle lucciole, magnifica metafora sull’apocalisse della seconda guerra mondiale, viene considerata il Germania anno...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.