closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Giorno di Gerusalemme», giorno dell’occupazione

Israele/Territori Occupati. 30 mila coloni, nazionalisti religiosi e militanti di destra hanno attraversato sventolando bandiere i quartieri palestinesi fino al Muro del Pianto con l'intento di affermare la sovranità di Israele imposta con la forza anche sulla Gerusalemme araba dopo il 1967

Giovani nazionalisti israeliani celebrano il

Giovani nazionalisti israeliani celebrano il "Giorno di Gerusalemme"

Si chiama in "Rikudegalim", la danza delle bandiere. È il corteo con migliaia di israeliani che si è svolto ieri alla Porta di Damasco e all'interno della città vecchia di Gerusalemme. Coloni, nazionalisti religiosi e militanti di destra, 30 mila secondo i dati forniti dalla polizia, hanno attraversato cantando, danzando e, più di tutto, sventolando bandiere i quartieri palestinesi fino al Muro del Pianto, con il fermo intento di affermare la sovranità di Israele imposta con la forza su Gerusalemme. È solo una festa popolare per il "Giorno di Gerusalemme" dicono le autorità israeliane. Di fatto è una sfida aperta...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.