closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Giocattoli di classe nella stanzadigreta

Note sparse. Il nuovo album della crew torinese si intitola «Macchine inutili»

lastanzadigreta

lastanzadigreta

Il titolo rimanda al mondo pirotecnico di Bruno Munari, tecnologia e design per produrre Macchine inutili (La Contorsionista/Sciopero Records), titolo anche del nuovo album de Lastanzadigreta, dove l’inutilità è la personificazione della contrapposizione al produttivismo esasperato. La crew torinese vincitrice della Targa Tenco 2017 per la migliore opera prima con Creature selvagge, imbastisce un ensemble di strumenti di recupero come racchette da tennis, tubi, pentole insieme a banjo, theremin o chitarra e pianoforte. Un artigianato da cameretta o da strada ispirato, per 13 pezzi frizzanti, nati dalla consapevolezza di compiere un atto poetico e giocoso; un’operazione seria. Dietro al nome...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi