closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

«Gino» e gli altri pomodori finto italiani

Il fatto della settimana. Venduto in Africa come italiano, è prodotto in Cina. È uno degli scandali raccontati in un libro-inchiesta dal giornalista francese Jean Baptiste Malet. Il suo libro, pubblicato in Italia, è stato poi ritirato

38 miliardi di chilogrammi, un quarto della produzione totale nei campi trasformati e conservati nel 2016 . Una media di 5,2 chilogrammi di frutto trasformato mangiato da ogni essere umano nel 2015. Sono solo alcune delle impressionanti cifre che compaiono nel libro -inchiesta Jean-Baptiste Malet L’Empire de l’or rouge. Enquête mondiale sur la tomate d’industrie e che fanno del pomodoro l’imperatore del mercato del cibo. “L’intera umanità consuma pomodoro industriale” dice il giornalista, dai ricchi nei ristoranti chic ai poveri dell’Africa, e quindi dopo le civiltà del grano, del riso del mais descritte dallo storico Fernand Braudel, ora secondo Malet è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.