closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Gibilterra, sì all’aborto ma non molto

Al referendum vince la depenalizzazione ma restano forti restrizioni per l’interruzione volontaria della gravidanza

Gibilterra, la campagna per il sì al referendum sull’aborto

Gibilterra, la campagna per il sì al referendum sull’aborto

Il piccolo territorio del sud della penisola iberica è amministrato da Londra ma, diversamente da quanto accade in Inghilterra, Scozia e Galles, finora l'interruzione di gravidanza è stata considerata un crimine, punibile anche con l'ergastolo. Per quanto inapplicata, la legge era ancora lì, pronta ad essere impugnata come una clava contro i diritti delle donne. Per sfuggire ad una delle legislazioni più restrittive del continente – l'Ivg era prevista solo in caso di pericolo di vita per la madre e previa autorizzazione di un medico e del Procuratore Capo - le donne che dovevano abortire erano obbligate a recarsi in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.