closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Gezi Park, le rose contro il potere

Anticipazione. Il 10 dicembre inaugura al Maxxi di Roma una grande mostra sulla scena contemporanea turca. Proponiamo il testo di una delle curatrici della rassegna

Gures Nilbar «Overhead», 2010

Gures Nilbar «Overhead», 2010

Un giardino di rose, con boccioli di innumerevoli colori, e senza spine – ecco cos’era il Gezi Park che si affacciava su piazza Taksim nel cuore di Istanbul, all’inizio dell’estate del 2013. Uniti dall’idea del diritto alla cittadinanza, gruppi che in altre occasioni si sarebbero sentiti a disagio nel trovarsi fianco a fianco costruirono una temporanea vita in comune, basata sulla solidarietà e sulla condivisione. Questa straordinaria adunanza definì quello che oggi chiamiamo lo «spirito di Gezi». Le donne erano sempre in prima linea. Il popolo Lgbtq era lì numeroso per resistere, e con la sua presenza vinse i pregiudizi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi