closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gerusalemme precipita nel baratro

Città Santa. Ieri nuovi scontri sulla Spianata delle moschee con 22 palestinesi feriti dalla polizia. Israele accusa i musulmani di violenze ma in atto c'è il tentativo, mascherato dal "turismo", di imporre la sovranità israeliana sul terzo luogo sacro dell'Islam.

Gerusalemme precipita verso l'abisso, nel disinteresse di una "comunità internazionale" che non vuole vedere le ragioni all'origine della tensione nella old city e nel resto della zona araba della città. Ieri altri 22 palestinesi sono rimasti feriti o contusi sulla Spianata delle Moschee. Per il secondo giorno consecutivo decine di agenti dei reparti anti sommossa della polizia israeliana hanno lanciato un raid nel luogo santo islamico. Gli scontri sono andati avanti per ore con i palestinesi che lanciavano pietre e molotov e i cecchini della polizia piazzati sui tetti pronti a sparare. Tre dei feriti ieri sera erano ancora in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.