closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Gerald Murphy, gigantismo iperreale fra dorate finzioni

Riscoperte nell'arte: Gerald Murphy. Su Gerald e Sara Murphy, Fitzgerald esemplò, cattivo!, i protagonisti di "Tenera è la notte". Lui, magnifico intrattenitore e mescolatore di cocktail, scoprì il cubismo e divenne pittore... Nel 1974, a dieci anni dalla morte, la mostra del MoMA ne fece un bizzarro precursore della pop art e della grafica moderna

Gerald Murphy,

Gerald Murphy, "Cocktail", 1927, New York, Whitney Museum of American Art

Quando i Murphy lessero Tenera è la notte fresco di stampa si riconobbero subito nei due personaggi principali: lei con il lungo filo di perle gettate sulla schiena abbronzata, lui in cappello da baseball e costume a strisce bianche e rosse su una spiaggia in Costa Azzurra. I due protagonisti di Francis Scott Fitzgerald non solo erano stati costruiti sul loro aspetto fisico e sul loro stile di vita, ma lo scrittore aveva anche espresso giudizi sulla loro expensive simplicity fatta di «complessità e di scarsa innocenza… un’apparente naturalezza, un’enfasi delle virtù, frutto di un patto disperato con gli dei...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi