closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Gentiloni: «La Libia ha chiesto l’intervento di navi italiane»

Migranti. «Affiancheranno la Guardia costiera libica nelle operazioni di contrasto dei trafficanti di uomini». Ma decide il parlamento

Molto presto navi militari italiane potrebbero entrare in acque libiche e affiancare la guardia costiera di Tripoli nelle operazioni di contrasto dei barconi carichi di migranti. Parlando al temine di un vertice con il leader libico Fayez al-Serraj - ieri a Roma dopo il summit parigino con il presidente francese Macron e il generale Haftar - il premier Paolo Gentiloni lascia intravvedere nuovi scenari della presenza italiana nel Paese nordafricano. «La Libia ha chiesto al governo italiano un sostegno tecnico con unità navali nel comune contrasto al traffico di esseri umani da svolgersi in acque libiche» ha spiegato il premier....

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.