closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Genova, il decreto fantasma. Per Conte arriverà oggi

A 41 giorni dal crollo del Ponte Morandi. Il presidente della Repubblica al Salone Nautico. Toti: il provvedimento? Nemmeno Mattarella ne ha traccia. Gli sfollati: attesa inaccettabile, dovuta a liti politiche Doveva essere «urgente», è ancora lontano, il premier fino a giovedì sarà a New York

Genova. Il presidente Mattarella al Salone Nautico incontra gli sfollati del Ponte Morandi

Genova. Il presidente Mattarella al Salone Nautico incontra gli sfollati del Ponte Morandi

Lo chiamano «decreto urgenze» ma evidentemente tanto urgente non è, per il governo, se 41 giorni dopo il crollo del ponte Morandi ancora non è stato pubblicato in gazzetta ufficiale. Un’attesa lunghissima, estenuante, surreale. Ma soprattutto «inaccettabile» secondo Luca Fava, uno dei portavoce degli sfollati. «Inaccettabile se dovuta a liti politiche nelle quali non vogliamo neppure entrare, e dannosa» spiega. «Tutto, dalla demolizione, ai risarcimenti, alla ricostruzione, alla riapertura delle strade, siamo sotto scacco di logiche incomprensibili». Era il 13 settembre scorso, il giorno prima della manifestazione di piazza a un mese dal disastro, quando il premier Giuseppe Conte aveva...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.