closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Genova e Oriente, antiche storie ai margini

Note sparse. Un disco necessario frutto del lavoro congiunto dei Cabit con un gruppo di musicisti turchi

Cabit

Cabit

Ha scritto Judith Schalansky, forse la voce più originale della letteratura tedesca oggi, che la storia si comprende solo osservando quanto succede ai margini, non al centro. Genova e la Liguria hanno avuto una grande storia di «margini» con il medio Oriente, e con la Turchia in particolare: lì c’era il fulcro delle colonie dei mercanti, a Costantinopoli c’era un intero quartiere genovese. E altre erano sulla sponda del Mar Nero: l’espressione «perdere la Trebisonda» si riferisce proprio a quello, al non avere più un punto di riferimento. Peraltro  anche i panorami geografici suggeriscono affinità con la Liguria. Da lì...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi