closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Gemma Guerrini, dallo studio del Boiardo alla paura per la cultura

Roma. La firmataria della mozione contro via della Lungara

Il presidio di ieri in piazza del Campidoglio

Il presidio di ieri in piazza del Campidoglio

Scriveva Gombrowicz nel suo romanzo ‘Ferdydurke’ (cito a memoria), che quando un poeta parla di albe, tramonti, scia della luna sull’acqua, va tradotto così: «la coscia, la coscia, la coscia/ la coscia, la coscia, la coscia». Questo principio, secondo me, andrebbe applicato ovunque si usino espressioni alate per affermare verità fumose. A volte, anziché ‘la coscia’, si può tradurre con ‘i soldi, i soldi, i soldi’ oppure ‘il mio potere, il mio potere, il mio potere’. Come andranno tradotte parole come queste: «E per la sua rinascita Roma (come il resto del Paese) deve intanto smettere di pensare al suo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi