closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gaza, un morto e 700 feriti in attesa delle manifestazioni del “ritorno”

Nakba. Previsti raduni di massa, non solo a Gaza, per l'anniversario della "catastrofe" e contro il trasferimento dell'ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme. Ieri, nella Marcia del Ritorno, un altro palestinese è stato ucciso dall'esercito israeliano

Il venerdì dell'"ammonimento", settimo raduno della "Grande Marcia ‎del Ritorno" nella fascia orientale di Gaza, è stato una sorta di ‎passaggio verso le grandi manifestazioni annunciate per il 14 e il 15 ‎maggio, quando, decine migliaia di palestinesi protesteranno per il ‎trasferimento dell'ambasciata Usa da Tel Aviv e Gerusalemme e ‎commemoreranno la Nakba. Ma è stato ugualmente insaguinato. Un ‎palestinese, Jaber Abu Mustafa, 40 anni, è stato ucciso ad Est di ‎Khan Yunis da un proiettile all'addome sparato dai cecchini ‎dell'esercito israeliano schierati lungo la barriera di demarcazione. ‎Un altro palestinese, colpito nei pressi di Jabaliya e dato per morto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi