closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gaza stritolata dal braccio di ferro Egitto-Turchia

Medio Oriente. Il Cairo accusa Hamas di aver partecipato attivamente alla preparazione e alla realizzazione dell'attentato che lo scorso giugno uccise il procuratore capo Hisham Barakat. Il movimento islamico nega con forza l'accusa. Paga come sempre la popolazione di Gaza, stretta nella morsa dal blocco attuato da Israele e dall'Egitto

Il Cairo. Il luogo dell'attentato dello scorso giugno al procuratore capo Hisham Barakat

Il Cairo. Il luogo dell'attentato dello scorso giugno al procuratore capo Hisham Barakat

Quando ieri hanno letto i titoli della stampa egiziana, i leader di Hamas a Gaza hanno avvertito un brivido lungo la schiena. «Arrestati gli assassini del procuratore generale Hisham Barakat», è stato quello di al Akhbar, giornale megafono del regime di Abdel Fattah al Sisi che, con un sommario inquietante, ha aggiunto «La Turchia ospita la mente dell'operazione e Hamas ha addestrato gli attentatori». Simili i titoli di altri quotidiani egiziani. Il Cairo procede come una ruspa, deciso ormai a travolgere Hamas assieme ai nemici dichiarati, i Fratelli Musulmani cacciati assieme al presidente Mohammed Morsi dal golpe militare del luglio...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.