closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gaza, Ramadan di sangue

Reportage. Il mese più importante per i musulmani arriva dopo la strage di lunedì e trova una popolazione sempre più povera che non potrà festeggiare. Israele continua a rifiutare ogni responsabilità e rivolge nuove accuse ad Hamas

Gaza. Il mercato di Jabaliya

Gaza. Il mercato di Jabaliya

Nel mercato popolare di Jabaliya i banchi dei commercianti sono colmi di merci. ‎Verdure, dolci, pesci, giocattoli, frutta fresca e secca. Il clima però è cupo. Si sono ‎appena conclusi i funerali delle decine di palestinesi uccisi lunedì dal fuoco dei ‎tiratori scelti israeliani e i prossimi giorni potrebbero portare altri lutti e dolori alla ‎gente di Gaza resta stretta nel blocco israeliano. Oggi comincia il Ramadan e ogni ‎famiglia vorrebbe acquistare quanto serve per l'iftar, il pasto serale che interrompe ‎il digiuno dei musulmani in questo mese. Rafiq Abu Saad si aggira tra i banchi ‎colorati ma si limita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi