closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

“La Striscia con il fiato sospeso”

Israele/Territori Occupati. Khalil Shahin, del Centro palestinese per i diritti umani, racconta l'ansia della Striscia. "I civili vanno protetti, no a punizioni collettive".

Gaza resta con il fiato sospeso. La popolazione è convinta che la reazione militare israeliana per l’uccisione dei tre ragazzi ebrei si concentrerà soprattutto sulla Striscia di Gaza dove risiede gran parte della leadership di Hamas nei Territori occupati e dove, secondo le indiscrezioni che girano da giorni, Israele potrebbe deportare decine di dirigenti ed militanti del movimento islamico arrestati nelle settimane passate in Cisgiordania. Già negli ultimi giorni l’aviazione israeliana ha ripetutamente colpito la Striscia in una spirale di attacchi e rappresaglie con i miliziani palestinesi che lanciano razzi verso il territorio meridionale dello Stato ebraico. Il clima è...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.