closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gaza aspetta la rappresaglia

Israele celebra i funerali dei tre ragazzi uccisi, mentre il gabinetto di sicurezza decide le ritorsioni contro i palestinesi. Non tutti i ministri sono per l'offensiva militare invocata dalla destra

Funerali ieri di un giovane palestinese a Jenin

Funerali ieri di un giovane palestinese a Jenin

Stessa giornata, stati d’animo diversi. Forte commozione in Israele, tensione lacerante nei Territori occupati palestinesi. Israele ieri si è stretta intorno alle famiglie di Naftali Fraenkel, Eyal Yifrach e Gilad Shaar, i tre adolescenti rapiti il 12 giugno e trovati morti due giorni fa vicino ad Halhul, in Cisgiordania. Uccisi, dicono i servizi di sicurezza, da una cellula di Hamas. La loro morte segna un intero paese: quando la ragione ormai volgeva al pessimismo, tanti cullavano ancora la speranza di vederli tornare a casa. Erano diventati i figli di tutti gli israeliani. Però ieri, a poche decine di chilometri dal...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi