closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gas, tra Beirut e Tel Aviv spunta Eni

Mediterraneo. Insieme a Total e Novatek, il cane a sei zampe firma due accordi con il Paese dei Cedri per l'esplorazione e la produzione di gas nei blocchi 4 e 9. Ma il secondo è rivendicato da Israele che ha già minacciato apertamente il Libano

La firma, annunciata, è stata apposta ieri: l’Eni ha firmato con il governo del Libano due contratti per l’esplorazione e la produzione di gas sottomarino nei blocchi 4 e 9, «spicchi» di mare contesi. O almeno lo è il blocco 9, di cui Israele rivendica la proprietà. Lo ha fatto anche nei giorni scorsi per bocca del ministro della Difesa Lieberman che ha minacciato il Paese dei Cedri di un possibile conflitto proprio a partire dalla disputa sul triangolo di mare al confine tra i due paesi. Beirut, da parte sua, prosegue spedito assegnando al cane a sei zampe (già...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi