closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Gas, la lettera agli Usa imbarazza il governo tedesco

Germania. Acquisto di Gnl americano in cambio della fine delle sanzioni per il Nord-Stream2. A firmare la missiva incriminata il vicecancelliere Olaf Scholz, candidato Spd per il dopo Merkel, ora sulla graticola

La nave posatubi russa Fortuna nel porto di Wismar, Germania, in basso Olaf Scholz

La nave posatubi russa Fortuna nel porto di Wismar, Germania, in basso Olaf Scholz

Un miliardo di euro in cambio della fine delle sanzioni americane sul gasdotto Nord-Stream2. Spunta, sei mesi dopo la spedizione, la lettera riservata datata agosto 2020 e firmata dal vicecancelliere tedesco Olaf Scholz, attuale ministro delle Finanze e candidato cancelliere della Spd alle elezioni federali del prossimo settembre. Certifica nero su bianco il tentativo di scambio sottobanco tra la Germania di Angela Merkel e gli Usa di Donald Trump per disinnescare la «guerra del gas» sul Mar Baltico. «Il governo tedesco è disposto ad aumentare il suo investimento nelle infrastrutture di gas naturale liquefatto (Gnl) fino a un miliardo». Tradotto,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi