closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Con i dazi alle porte, il G20 in una Argentina paralizzata

Summit di Buenos Aires. Ministri dell'Economia e banche centrali discutono dei rischi di tensioni sui dazi, sulla tensione monetaria e di crisi regionali, Iran in testa. Trump: tasse su tutti i prodotti cinesi (più di 500 miliardi di export negli Usa). Timori sulla crescita del debito pubblico in Africa. L'Argentina, paese ospite, affonda nella crisi e si sottomette di nuovo al Fondo Monetario

Christine Lagarde

Christine Lagarde

Minacce che cominciano a concretizzarsi di guerra commerciale generalizzata, tensioni monetarie, crisi regionali a cominciare dall’Iran e anche esame dei rischi, tra cui la crescita esponenziale della cripto-monete: il G20 Finanza (ministri dell’Economia e banche centrali) si riunisce fino a stasera a Buenos Aires. Presenti i ministri dell’Economia e delle Finanze dei 19 Paesi membri del club nato nel ’99, più la Ue, che rappresentano l’85% del commercio mondiale, i due terzi della popolazione del globo e più del 90% del Pil prodotto. In questo momento di gravi minacce, il G20 torna alle origini, quando era nato, dopo la crisi...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.