closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Fuori i primi, Sel si spacca

S-compagni. Escono dal partito quattro soci ’fondatori’, ex minoranza: «Ci trattano da boicottatori». Vendola: «Errore politico, viene da lontano, noi non cederemo al minoritarismo». Ma altri dieci sono pronti a lasciare

Nichi Vendola parla al congresso di Sel

Nichi Vendola parla al congresso di Sel

Alla fine della giornata, «il giorno più difficile, una comunità si spacca» dice Nichi Vendola, saranno in quattro i ’fuoriusciti’. Tutti deputati, ’soci fondatori’ di Sel. Claudio Fava, vicepresidente della commissione antimafia, Titti Di Salvo, vicepresidente del gruppo, Ileana Piazzoni, pasionaria pro Schulz, e naturalmente Gennaro Migliore, il capofila. Nella notte di martedì aveva rassegnato «dimissioni irrevocabili» da capogruppo alla camera. Una vita accanto prima a Bertinotti, poi a Nichi Vendola. Dal ’91, la nascita di Rifondazione, una serie di scissioni subite: nel ’94 quella dei comunisti unitari, nel ’98 quella dei comunisti italiani; nel 2009 è il nucleo di Sel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi