closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Fumate nere su Alitalia

Scimitarra araba. La Cgil non firma il piano esuberi, piloti e assistenti di volo bocciano il nuovo contratto, gli azionisti di Poste italiane non vogliono spendere altre decine di milioni per coprire i debiti.

Esuberi Alitalia

Esuberi Alitalia

Tutto fatto, come voleva il governo e in particolare il ministro Lupi? Per niente. “La trattativa con Alitalia è ancora in fase di sviluppo. La nostra intenzione, se andrà bene, è di acquisire il 49%”. James Hogan soppesa le parole. Ma anche il numero uno di Etihad rischia di scivolare sul piano inclinato di un affaire che ogni giorno moltiplica le variabili. Con la Cgil che decide di non firmare l'accordo sui quasi 1.700 licenziamenti. E i sindacati di piloti e assistenti di volo che non accettano il nuovo contratto di lavoro, a causa dei tagli ai loro stipendi. Per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi