closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Fughe picaresche dalla grande macelleria

Pierre Lamaitre. La prima guerra mondiale è lo sfondo dove tessere la trama di un rinnovato «realismo sociale». Una intervista con lo scrittore francese, in Italia per presentare il romanzo «Arrivederci lassù»

Foto tratta dal volume

Foto tratta dal volume "Un secolo di guerre" (Edizione White Star)

«Non sono cresciuto con i racconti di trincea dei nonni. Però quando ero bambino, negli anni Cinquanta, a Aubervilliers, banlieue nord di Parigi, c’erano quelli che chiamavamo “gueules cassées”, i vecchietti rimasti invalidi o sfigurati combattendo nella Prima guerra mondiale che vendevano i biglietti della lotteria. Me li ricordo bene, alcuni mi incutevano molto paura per le loro ferite. Più tardi, da adulto, mi è capitato spesso di passare davanti a qualche monumento eretto alla memoria dei caduti. Una mattina, sarà stato poco più di una quindicina d’anni fa, di fronte a uno di questi “sacrari” stavano celebrando l’anniversario della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.