closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Fuga da Alcatraz, un film perfetto

I magnifici 70. 1978, recensione del classico di Don Siegel di Roberto Silvestri

Così la Mostra di Venezia è cominciata, ma il cinema si è visto solo ieri con la presentazione del film di Don Siegel autoprodotto dal cineasta, ma appoggiato alla grande distribuzione Paramount. Non è una novità per Don Siegel che, ex archivista, acculturato in Europa, aveva cominciato a dirigere nel dopoguerra secchissimi «neri» di serie B. Ma dal lungo sodalizio con Clint Eastwood (che ha anche incoraggiato a diventare cineasta e ha fatto benissimo) sono arrivati i successi commerciali e quindi l’irrigidimento dei critici che quando sentono puzza di soldi annaspano: non c’è arte, poesia fuoriuscita dagli «stereotipi». Fuga da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi