closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

“Fresia”, il complotto del silenzio

Il documentario. Corrado Punzi torna a raccontare il Cile dei desaparecidos con la storia di una donna che per quarant'anni aspetta che sia fatta giustizia per la scomparsa del marito

una scena di

una scena di "Fresia"

Ha le mani intrecciate sul ventre, la statura minuta, il corpo di una donna che ha vissuto; lo tiene avvolto in uno scialle-coperta, a colmare un gelo interno, siderale; il viso provato e attentissimo, gli occhi cerulei, dietro lenti a fregarsene delle mode, sospesi in un brillio tenero e penetrante: appuntata sul seno, a mo’ di fiore, protetta da una custodia di plastica, una foto del suo matrimonio, solo tre anni prima che il suo sposo le fosse sottratto, che divenisse desaparecido. «Ho cercato mio marito per 36 anni. L’ho cercato da sola, in tutti i punti della terra. Sono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.