closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Fratelli coltelli, dramma familiare in un’oscura Lucania

A teatro. Ha debuttato nella sua forma completa «Ion», scritto e messo in scena da Dino Lopardo

Scena da «Ion» di Dino Lopardo

Scena da «Ion» di Dino Lopardo

Ha debuttato nella sua forma completa (al teatro Basilica), dopo il «saggio» dello scorso anno come vincitore di un premio di drammaturgia, un testo dai caratteri fuori della norma. Ion (scritto e messo in scena da Dino Lopardo) racconta una storia familiare, ma lontana dagli stilemi borghesi cui siamo abituati sulla scena: è la storia di due fratelli, e del loro rapporto, nel profondo sud, in una oscura Lucania spesso notturna. Ma, soprattutto, la caratteristica più forte e centrale di questo spettacolo sta in un rigoroso dialetto lucano, oscuro quanto fascinoso nella sua fonetica arcaica. NON MANCANO certo, anche nel...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi