closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Fra negazione e cinismo

A proposito della candidatura di Chiara Ferraro . La difesa dei diritti e della dignità delle persone con autismo (e in generale con disabilità) non passa in alcun modo attraverso la negazione dei loro problemi

La candidatura di Chiara Ferraro è stata una faccenda po’ grottesca e, in effetti, rappresenta il contrario di quanto si dovrebbe cercare di fare per creare contesti realmente inclusivi e realmente adatti alla vita e alla felicità delle persone con autismo. Tutti sapevamo che non c’era alcuna possibilità che questa ragazza venisse eletta; ma, in ogni caso, se anche fosse stato possibile, non le avrei augurato che accadesse. Se la sciagurata eventualità si fosse fantascientificamente realizzata, lei sarebbe stata infelice, un pesce fuor d’acqua, di fronte a difficoltà insormontabili. Perché mai allora una proposta così assurda? È forse giustificata dall’obbiettivo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.