closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias

Fox, creatura fatata e mutante

Intervista. Parla Adele Brand, studiosa nel campo dell’ecologia e autrice di «La vita segreta delle volpi», pubblicato in Italia da Guanda. «Le popolazioni preistoriche mostravano un grande interesse per questo animale, non di rado lo seppellivano insieme agli umani»

Una litografia tedesca del 1956

Una litografia tedesca del 1956

C’è la volpe saggia che insegna il valore dell’amicizia al Piccolo Principe, bimbo stellare un po’ disorientato dalla sua improvvisa venuta sulla terra, e quella adulatrice di Esopo che inganna il corvo, solleticandone la vanità solo per rubargli il cibo. In mezzo, ce ne sono altre migliaia di esemplari, tutte votate a vizi e virtù troppo umane, se si esclude la loro presenza nel folklore orientale, dalla Cina al Giappone, dove le volpi sono creature della metamorfosi, spiriti cangianti e della seduzione, da cui imparare il senso della vita. La lunga carrellata di apparizioni letterarie e folkloristiche testimonia la «vicinanza»...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi