closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Forlì Open Music, il rumore del presente come gesto politico

Eventi. Otto brevi concerti organizzati da Area Sismica, dal flautista Zurria alle improvvisazioni di Hawkins

Sidera Sax Quartet

Sidera Sax Quartet

«La verità è che la vera musica non è mai difficile». Così Claude Debussy, compositore al centro di D’istante, l’edizione 2021 di Forlì Open Music organizzata da Area Sismica all’Auditorium San Domenico. Otto brevi concerti in due giorni per indagare ancora una volta il rumore che fa il presente, cercando semi del futuro pure nel passato, nella convinzione che il lavoro sulla musica, oltre che culturale, sia un gesto politico. Negli infiniti oceani del suono infatti, citando Elio Martusciello, è possibile sperimentare «non più il reale dettato dall’occhio, ma il possibile suggerito dall’orecchio». Apre il duo di Francesco Dillon (violoncello)...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.