closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

FoodPriders, i «recuperatori» del cibo rimasto invenduto

Il fatto della settimana. A Torino un progetto per recuperare gli scarti alimentari e distribuirli ai bisognosi. A trasportarli in bici e cargo bike sono soprattutto richiedenti asilo

L'appuntamento è alle 9,30 nel loro ufficio: un piccolo spazio in condivisione a due passi da Porta Palazzo, tra i più grandi mercati all'aperto d'Europa, da sempre simbolo delle integrazioni e delle contraddizioni di Torino. «Ci lavoriamo anche in venti qui dentro», mi racconta Martina Ciafardoni dell'associazione Eco dalle Città, tra le capofila del progetto FoodPride. I FoodPriders recuperano cibo invenduto nei mercati e nei negozi di prossimità e li trasportano con biciclette e cargo bike verso punti di raccolta e distribuzione sparsi per la città. Qui, piccoli eserciti silenziosi di recuperatori si prendono quello di cui hanno bisogno, gratuitamente,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.