closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Fonici, cameramen e sceneggiatori. Il dorato mondo tv è tutto precario

L'indagine. Slc Cgil e Associazione Trentin: paghe basse e poche tutele. I lavoratori chiedono al sindacato più impegno per le stabilizzazioni

Carriere discontinue e precarie, paghe basse, poche tutele (quasi del tutto assente la maternità): il mondo della radio e della tv non è poi così dorato per chi lavora dietro le quinte e i maxi compensi delle star. Quello di cameramen, fonici, addetti alla produzione, sceneggiatori è un mondo fatto di partite Iva (spesso imposte e in minima parte scelte), collaborazioni tra le più disparate, lavori a chiamata, con paghe che si aggirano in media tra i 10 mila e i 15 mila euro annui. E la disoccupazione, con la crisi, è diventata un fantasma sempre più concreto: 1 addetto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.