closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Politica

Fiumi e canguri, Renzi detta legge

Camere. Tutti gli strumenti, le procedure e i trucchi per mettere fuorigioco i parlamentari. E trasferire a palazzo Chigi il potere legislativo

Proteste in aula del M5S contro il decreto sblocca Italia

Proteste in aula del M5S contro il decreto sblocca Italia

La riforma costituzionale che sta per essere approvata in seconda lettura alla camera prevede un nuovo strumento a disposizione del governo per imbrigliare il parlamento: il voto a data certa. Vale a dire che sui disegni di legge che l’esecutivo considera essenziali per il programma (a suo insindacabile giudizio) le camere saranno chiamate a votare tassativamente entro 60 giorni. Come dovranno votare non è detto, non potendosi prescrivere in costituzione l’obbligo di approvare quel che chiede il governo. Per quello c’è il voto di fiducia. Non è un istituto nuovo (è nei regolamenti dagli anni Settanta) ma con il governo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi