closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Fitch sul Def: «Rischi considerevoli». La posta in gioco è la «Fornero»

Fuoco di fila. Di Maio e Salvini tirano dritto: «Un onore essere bocciati da loro». Ma la spacconeria è di facciata. La preoccupazione regna ovunque

Lo spread oscilla senza mai allontanarsi troppo dal confine dei 300 punti. Ieri ha chiuso a 298, alto ma lontano dall’area di massimo rischio. In compenso si è impennato il tasso dei Bot di un anno, segnale chiaro della paura di una crisi finanziaria a breve. Non poteva essere diversamente. AL PLOTONE D’ESECUZIONE che aveva aperto il fuoco sul Nadef martedì si sono aggiunte ieri le voci più temute, quelle delle agenzie di rating. Mark Zandi, il capo economista di Moody’s, che emetterà il suo verdetto il 31 ottobre, avverte tramite intervista alla Stampa: «È logico aspettarsi che le preoccupazioni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.